Scuola Materna Madonna di Fatima

RESTO A SCUOLA PER GIOCARE

“Né la scuola, né la famiglia possono farcela da sole oggi. Educare è troppo difficile, è un compito che non sopporta più la solitudine.” Milani P. (a cura di) (2008), Co-educare i bambini, Lecce, Pensa MultiMedia, p. 9.   Premessa Nella società attuale, i genitori sono spesso impegnati a conciliare gli orari di lavoro con le esigenze familiari e, in particolare, quelle relative alla cura dei propri figli. La scuola dell’infanzia “Madonna di Fatima” di Tribano, è sensibile a questa problematica e propone alle famiglie un servizio di prolungamento dell’orario scolastico. Obiettivi del progetto
  • Sostenere i genitori nell’organizzazione familiare e nella cura dei figli in età compresa tra i 3 e i 6 anni, offrendo un servizio educativo qualificato, nella stessa struttura scolastica, evitando spostamenti di luogo e ricerca di ulteriori supporti esterni;
  • Garantire ai bambini la permanenza in un ambiente educativo sereno, sicuro, conosciuto e adatto alle loro esigenze;
  • Programmare e realizzare, nelle ore di prolungamento scolastico, attività ludico ricreative a sfondo educativo con la finalità di sostenere la socialità e il benessere del bambino.
Tempi Inizio del servizio: dal 19 settembre 2016 a giugno 2017 Orario: tutti i giorni dalle ore 16.00 alle ore 18.00 (seguendo il calendario scolastico). Il costo del progetto è totalmente a carico del genitore secondo il seguente prospetto: - 50 € mensili indifferentemente dalla frequenza - 10€  al giorno per frequenza occasionale. Il pagamento avverrà ogni ultimo giorno del mese frequentato.       Metodo Le attività ludiche e di animazione proposte, avranno come finalità principale quella di promuovere e sostenere lo sviluppo della socializzazione tra i bambini, attraverso la creazione di un contesto relazionale sereno e attento ai bisogni di ciascuno. Si terrà conto del fatto che i bambini hanno già trascorso una giornata a scuola e si avrà cura offrire attività diversificate e alternative a quelle già realizzate. L’eventuale eterogeneità del gruppo, rispetto all’età, sarà spunto per promuovere nei più “grandi” comportamenti prosociali di tutoraggio verso i “piccoli” e, in questi ultimi, atteggiamenti ispirati alla fiducia e all’imitazione dei “grandi”. Le due ore di prolungamento si articoleranno in tre momenti educativi:
  1. dalle 16.00 alle 17.00, attività libera e tranquilla, che permetterà al piccolo gruppo di conoscersi meglio e di stabilire relazioni tenendo conto del fatto che probabilmente i bambini avranno età diverse.
SI PROPONE QUINDI, GIOCO LIBERO CON:
  • Costruzioni
  • Macchinine
  • Pentoline
  • Puzzle … ecc.
  1. Ore 17:00 circa: momento di routine dedicato all’igiene personale e alla merenda. La routine sarà accompagnata da musica e filastrocche cha aiuteranno i bambini (soprattutto i più piccoli) a riconoscere e prevedere la successione degli eventi.
  2. Dalle fine della merenda alle ore 18.00 verranno proposte ai bambini attività guidate, diversificate in base alle età, che si ripeteranno a rotazione nell’arco della settimana.
SI PROPONE QUINDI:
  • Attività di manipolazione (pongo, collage, strappo, appallottolo, taglio, coloro, ecc.);
  • Attività con i colori;
  • Attività di lettura e drammatizzazione (individuando alcune tematiche da proporre come sfondo narrativo, es. l’amicizia, il rispetto per la natura, la solidarietà);
  • Gioco simbolico guidato (il meccanico, la parrucchiera, il supermercato, mamma casetta ecc.):
  • Giochi in scatola (puzzle, memory, giochi di associazione, ecc.);
  • DVD educativi (in cui i personaggi interagiscono con i bambini portandoli alla scoperta anche della lingua inglese).
Le attività proposte saranno totalmente diverse dalle attività didattiche progettate per la giornata scolastica, anche se si svolgeranno in continuità e nel rispetto dei principi educativi a cui la scuola fa riferimento. Tutte le attività saranno progettate e realizzate da personale qualificato che coordinerà le figure volontarie scelte dalla scuola.